lunedì 14 dicembre 2015

Racconti Capitolini

A poche settimane dalla fine di questo 2015, faccio giusto in tempo a esordire come scrittore di narrativa. È una cosa minuscola, eh. Però sono contento.

Nell'antologico "Racconti Capitolini", edito da Historica Edizioni è presente un mio racconto, si intitola "La fine dell'astice" e ci sono legato per vari motivi. 



Fine 2013, non era un periodo particolarmente felice per me. Per una serie di ragioni che non ho voglia di scrivere, mi ero stufato un po' di tutto. Non avevo voglia di studiare, di dare gli esami, di lavorare; sarei stato tutto il giorno a leggere e a tentare di scrivere, ma non potevo per via del "senso di colpa degli universitari", presente nella testa di ogni persona che sia in grado di usarla.

Un amico mi consigliò di concentrarmi solo su quello che volevo fare, lasciando perdere tutto il resto. Mi disse che se volevo scrivere l'avrei dovuto fare; cercando, però, di arrivare a qualcosa, a un punto fermo. Qualsiasi cosa avessi scritto, l'avrei dovuta portare a termine.

Diversi giorni dopo, mentre lavoravo, ebbi la suggestione dalla quale sarebbe nato il racconto: l'astice fa davvero una brutta fine.
Iniziai a costruire una storia intorno alla morte dell'astice, appuntavo ogni dettaglio in un piccolo quadernino che portavo sempre con me. Era la mia "storia terapeutica"; in qualsiasi momento, in qualunque luogo, dovevo sapere che potevo fuggire, isolarmi dal mondo e dedicarmi al mio crostaceo.

La cosa funzionò, terminai la storia ma la lasciai lì. Avevo ripreso a studiare e lavorare con un certo ritmo, la storia terapeutica aveva fatto il suo.

Poco più di mese fa, sono incappato nel concorso letterario Cultora. Decisi da subito di fare un tentativo e pensai che "La fine dell'astice" potesse fare al caso mio.
La storia è stata selezionata per l'antologico "Racconti Capitolini" per cui, oltre ad avermi aiutato a venire fuori da un periodo no, forse era anche una bella storia.

Il libro si può acquistare a Roma presso la libreria Cultora (via Ferdinando Ughelli 39) e, prossimamente, sul sito di Historica Edizioni e sulle principali librerie online. Se vi fate un giro su amazon è già disponibile il pre-ordine, trovate il link di seguito.




2 commenti:

  1. Oh ma complimenti!sono contenta x te,appena vengo a roma prendo subito il libro, sono troppo curiosa ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, è una cosa piccola ma sono contento perché è venuto fuori un bel prodotto. Appena la leggi fammi sapere!

      Elimina