mercoledì 30 dicembre 2015

2015, i miei numeri

Come per lo scorso anno, tiriamo le somme di questo 2015, sia dal punto di vista lavorativo che di fruizione mediale, sperando di arrivare, un giorno, a far coincidere le due cose.

Si parte? Dai!

Come Addetto Stampa/Social Media Manager ho:

- Coperto il ruolo di Responsabile Comunicazione del progetto "Sosteniamo e Condividiamo il Futuro" per La Gabbianella Onlus
- Lavorato per il premio "Mecenate dello Sport Varaldo Di Pietro"
- Lavorato per la Flepar-INAIL
- Contribuito alla diffusione de "Il Palloncino di Carta" per la Casa dell'Affidamento del comune di Torino
- Iniziato la mia collaborazione con la FUIS come redattore freelance per la loro web TV
- Avuto una copertura mediatica di sei testate giornalistiche per Commando


Come sceneggiatore/scrittore ho:

- Sceneggiato circa 66 pagine a fumetti, di queste, ne sono state pubblicate 50, divise in sei storie. Nello specifico: L'avventura dell'illusione mortale, La Febbre del Palio, La Sconosciuta, Commando, Il Commando ringrazia, A Christmas Tale. Di queste, alcune sono online, altre in cartaceo (ma presto anche in digitale).
Le altre 16 pagine, se tutto va bene, le vedrete nel 2016.

- Scritto 12 pagine (circa) di narrativa. Di queste, sette sono state pubblicate nell'antologico Racconti Capitolini; le altre vedremo in futuro se e dove troveranno spazio.


Numeri in crescita rispetto al 2014, eccezion fatta per la copertura mediatica come scrittore, dovrò migliorarla nel prossimo anno. Per il resto, sono contento.


In tutto ciò, ho trovato il tempo anche di nutrire la mia mente con prodotti culturali.
Le mie fruizioni mediali del 2015:

5 libri (eh, lo so; -5 rispetto all'anno scorso. Sono incappato nel Signore degli Anelli che mi ha praticamente monopolizzato l'anno)
28 serie TV (+20 rispetto al 2014)
30 film (+13 rispetto al 2014)
98 fumetti (+12 rispetto al 2014)

I top del (mio) 2015 sono:




Poco da dire, un classico che tutti dovrebbero leggere, non solo da piccoli. Brillante e seminale.



Prima Daredevil, non sapevo rispondere alla semplice domanda: Qual è la tua serie tv preferita? Ora sono in grado di farlo, senza esitazione.

Meritato Oscar alla sceneggiatura. Una pellicola scritta bene che tocca diverse tematiche a me care.
C'è da dire, poi, che in quest'anno ho (ri)visto anche altri capolavori, quindi piazzo un altro film


Meraviglia, una storia che dà lezioni ancora oggi.

Anche sui fumetti, doppio consiglio che ne ho letti un botto.



Sono convinto che amerei Brubaker anche se scrivesse l'adattamento a fumetti de Il Segreto o di Uomini e Donne, quindi la sua ultima opera entra di diritto nella classifica.


160 pagine che volano per uno dei personaggi iconici della nostra cultura popolare. Aggiungete Alessandro Bilotta, ovvero uno dei migliori sceneggiatori italiani e il risultato è questo gioiellino.


Nessun commento:

Posta un commento