venerdì 14 novembre 2014

L'avventura dell'antico medaglione

Dopo l'esordio cartaceo a Lucca, è disponibile anche in versione pdf "L'avventura dell'antico medaglione", la mia storia per il progetto 221B Baker Street della Cagliostro E-Press. La trovate a qui, leggetela e poi tornate qui per un po' di "contenuti speciali".

Si tratta della mia seconda pubblicazione, anche se l'ho scritta prima di Be Social.

Lo spunto narrativo era molto interessante, oltre che abbastanza complesso; creare una storia mixando alcuni personaggi e atmosfere dello Sherlock Holmes di Arthur Conan Doyle con la storia, personale e letteraria, di Howard Phillips Lovecraft.

Non conoscendo a fondo Lovecraft e avendo poco tempo a disposizione per documentarmi, ho scelto di focalizzarmi sull'altro protagonista, John Watson, il fido braccio destro di Holmes e, soprattutto, sull'ambientazione: la Londra del 1927.

La mia intenzione era quella di creare un giallo, piuttosto classico, che avesse però un senso di mistero e soprannaturale.
Sono partito dal racconto di un sogno, che sarebbe in qualche modo tornato a storia finita.

Mistero e soprannaturale, nella Londra degli anni Venti. Non so come ma mi sono venute in mente le logge massoniche, mi è sembrato naturale inserire questo elemento. Per cui, questa è stata l'ossatura dell'episodio.

Mi piaceva l'idea di un Watson disilluso e malinconico ma allo stesso tempo pronto a mettersi in gioco quando si tratta di dare una mano nelle indagini della polizia. Vedevo questo suo aspetto come un tentativo da un lato di dimostrarsi indipendente da Holmes, dall'altro si sentirlo in qualche modo ancora vicino.
A Lovecraft ho cercato di dare, in opposizione a Watson, una spiccata curiosità, caratteristica che reputo fondamentale in ogni scrittore. Per questo è lui ad avere l'intuizione che sarà la chiave di svolta dell'indagine.

Detto questo, spero che la storia funzioni e diverta.

Un plauso, infine, a Salvatore Coppola che ha fatto un lavoro magistrale con i disegni.

      Robetta, eh?

Al solito, mi piacerebbe sapere cosa ne pensate. Critiche, positive e negative, ben accette.

Nessun commento:

Posta un commento